Tortora

Tortora (1)

Tortora tra storia e superstizione, detta l'antica Blanda Porta geologica della Calabria.

Museo, mostra permanente palazzo casapenna di Tortora, dove sono esposti reperti del Paleolitico.
Itinerario:
Incontro della guida con il gruppo presso l'hotel e trasferimento a Tortora, l'antica Blanda porta geologica della Calabria.
Nel centro storico ricco dì scorci e scalinate si visiterà la chiesa Madre che conserva tra l'altro una tela della scuola di Mattia Preti; si osserverà l'enigmatico portale della cappella delle Anime del Purgatorio caratterizzato da rilievi zoomorfici raffiguranti le costellazioni di epoca trecentesca fino alla casa in cui sostò Garibaldi.
Presso il Palazzo nobiliare si visiterà il Museo Mostra permanente di Palazzo Casapesenna, espone reperti che risalgono al Paleolitico, relativi all'industria litica (choppers, unifacciali, e bifacciali) ed all'industria su scheggia con notevole diversificazione tipologica (punte, schegge, lame, rachiatoi) provenienti da Rosaneto.
Vi sono inoltre corredi funerari dalla necropoli di San Brancato (VI-IV secolo a.C.) e ceramiche che testimoniano le varie fasi dell'occupazione enotria e lucana del territorio.
Infine, anfore e ornamenti di età romana provenienti dall'antico insediamento di Blanda sul vicino colle di Palecastro.
Una volta lasciato il centro storico è prevista una sosta presso il Mausoleo romano di contrada Pergole, un'imponente monumento funerario che ha testimoniato l'importanza economica dell'antica Blanda Julia attraverso i resti del silicernium, banchetto funebre.